Giancarlo Tulliani arrestato a Dubai: guai per il cognato di Fini

di Tabloit

Giancarlo Tulliani è stato arrestato a Dubai. Il cognato dell’ex leader di An Gianfranco Fini era latitante dal 20 marzo, da quando cioè la magistratura romana aveva emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta su una presunta attività di riciclaggio e sui rapporti con il cosiddetto “re delle slot machine” Francesco Corallo.

Giancarlo Tulliani con la fidanzata Federica Papadia al Dubai Mall nell’Aprile scorso
Giancarlo Tulliani con la fidanzata Federica Papadia al Dubai Mall nell’Aprile scorso

Se non fosse tutto vero ci sarebbe anche da ridere: già perché a causare l’arresto di Tulliani è stato Tulliani stesso, involontariamente. Venerdì l’indagato si trovava all’aeroporto di Dubai dove si era recato per accompagnare la fidanzata Federica Papadia, dipendente dell’Atac (si è presa due anni di aspettativa) che da molti è stata definita come la sosia di Belen Rodriguez. Infastidito da due giornalisti italiani che evidentemente lo stavano incalzando con alcune domande, il cognato di Fini ha chiesto l’intervento della polizia. I due giornalisti sono stati arrestati e subito rilasciati. Gli agenti però hanno scoperto che su Tulliani pendeva un ordine di cattura internazionale e lo hanno arrestato. Adesso non resta che attendere la procedura di estradizione al termine della quale le autorità di Dubai decideranno se trasferire l’indagato in Italia oppure no.

Giancarlo Tulliani con la fidanzata Federica Papadia al Dubai Mall nell’Aprile scorso
Giancarlo Tulliani con la fidanzata Federica Papadia al Dubai Mall nell’Aprile scorso

Se tornasse in patria, quindi, finirebbe l’esilio di lusso del fratello di Elisabetta Tulliani: quando lo scorso dicembre era sbarcato negli Emirati Arabi il cognato di Fini, infatti, aveva alloggiato per un mese in un condominio a cinque stelle nel quartiere residenziale di Al Barsha. Alla reception diceva di chiamarsi Carlo: ogni mattina gli chiedevano di registrarsi ma Tulliani rispondeva sempre di aver lasciato i documenti in camera, promettendo di registrarsi il mattino successivo.

Giancarlo si è poi trasferito nel Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo e per spostarsi usava un autista. Insomma una latitanza a cinque stelle: ad aprile lo avevamo scovato insieme a Federica a spasso per il Dubai Mall, il più grande centro commerciale del mondo. Prima un pranzo all’Elevation Burger, poi passeggiata tra i negozi più “in”. Nelle foto si vedono chiaramente Giancarlo e Federica con un orologio Audemars Piguet da 46 mila euro; non solo, la sosia di Belen sfoggia anche una borsa di Hermes da più di 5mila euro e gioielli di Bulgari.

Giancarlo Tulliani con la fidanzata Federica Papadia al Dubai Mall nell’Aprile scorso
Giancarlo Tulliani con la fidanzata Federica Papadia al Dubai Mall nell’Aprile scorso

L’atteggiamento sfacciato di Tulliani però non sorprende: quando lo scorso febbraio la Guardia di finanza è entrata nella casa del cognato di Gianfranco Fini ha trovato un sacco nero della spazzatura pieno di carte triturate con sopra un fiocco verde, richiamo ai baschi verdi indossati dai finanzieri. Insomma un “regalo” che Tulliani ha lasciato come sfregio per gli investigatori.

In attesa di scoprire se Tulliani tornerà in Italia una domanda però sorge spontanea: sarà una casualità che l’arresto di Giancarlo è coinciso con la visita a Dubai del premier Gentiloni?

[vc_text_separator title=”Guarda la Gallery” color=”juicy_pink”]