Simona Ventura ostaggio della banda de La Casa Di Carta: Ecco perché

di Roberta Cecchi

Il video con Simona Ventura ostaggio della banda de La Casa Di Carta è già diventato virale. Ecco che cosa sta succedendo.

Le immagini di Simona Ventura ostaggio della banda de La Casa Di Carta stanno facendo il giro del web, destando non propria curiosità. Ma che cosa sta succedendo? In realtà quella che vede protagonista l’inarrestabile Super Simo è una trovata pubblicitaria creata ad hoc per promuovere lo speciale dedicato alla terza stagione della fortunata serie di Netflix (disponibile in streaming proprio da oggi) che andrà in onda questa sera in seconda serata su Rai 2 a partire dalle 23.00.

simona ventura la casa di carta
Simona Ventura in un frame del video

Nel simpatico promo, lanciato proprio dalla stessa Ventura sulla sua pagina Instagram, la Banda sta pensando a un luogo dove fuggire dopo aver messo a segno l’ennesimo colpo e, una delle ipotesi che vengono fatte dai componenti del gruppo è Fuerteventura.  A questo punto è proprio Simona a ‘entrare in scena’ venendo ripresa mentre si trova legata ad una sedia: “Beh, Ventura? Ma Ventura sono io! Io mi chiamo Simona Ventura a dire il vero… Simona il nome, Ventura il cognome. Però in effetti anche Fuerte non sarebbe male”. Dopo le parole della donna la Banda le cala la maschera da Salvador Dalì (diventata ormai un simbolo della serie spagnola La Casa De Papel) sul viso e se ne va, lasciandola sola “Ragazzi ma non mi lasciate qua da sola. Ma siete veramente tremendi… Ma tornatevene in Spagna”.

Una trovata davvero geniale questa realizzata dalla Rai che porta finalmente una ventata di allegria e di freschezza anche in Viale Mazzini. Non è un caso quindi che in pochissime ore il video pubblicato da Simona Ventura sia già diventato virale, collezionando più di 50mila visualizzazioni e non pochi complimenti da parte dei followers dell’ex moglie di Stefano Bettarini. Anche questa volta Super Simo ha colpito nel segno.

Leggi anche: Simona Ventura premiata al Padova Pride Village come Persona LGBT dell’Anno

Leggi anche: Marcuzzi contro Ventura: Non si parla male dei colleghi