Irama replica a Vladimir Luxuria: “Non sono omofobo”

di Wendy Migliaccio

Non sono omofobo, anzi mi fa schifo l’omofobia. Ci sono uomini, ci sono donne, ci sono transessuali. Semplicemente ho litigato con quella persona”. Irama replica così alle accuse di Vladimir Luxuria, che ha invitato le radio a non trasmettere la sua canzone “Stanotte” perché contenente la frase “poi spogliarti sulla metro, fare a pugni con quel trans”. Ecco cosa ha dichiarato Irama a il Fatto Quotidiano.

Ci sono cose che non mi soffermo molto a commentare, ho dato una risposta dal punto di vista grammaticale. Ho detto una cosa ed è uscita fuori una polemica da una persona che evidentemente non ha capito la grammatica. Poi però ho visto che in tantissimi hanno risposto e, ti dico la verità, non sono stato lì a soffermarmi a leggere tutti i commenti a mio favore, perché l’ho trovata una cosa poco rilevante, penso che ci siano cose molto più importanti. Chi deve sapere, sa. Purtroppo in questo periodo sono stato molto bersagliato da questo tipo di polemiche un po’ semplicistiche, sono cose che vanno oltre la musica. Sia chiaro però non mi ritengo assolutamente vittima di niente

irama

Polemiche a parte, l’ex vincitore di Amici ha voluto fare un bilancio dei mesi intensissimi post talent:

Da tanto tempo amo quello che faccio, cerco di raccontare la mia vita, cerco di raccontare quello che vedo e quello che sento, tramite la musica. Lo faccio sin da bambino. Non è ancora il momento di guardarmi indietro perché sono ancora troppo giovane e ho ancora tanto da lavorare. Bisogna arrivare a più persone possibili, però se dovessi dare una sbirciata veloce indietro, vedrei una persona che non molla mai e che ha voglia di dire delle cose e di fare musica

irama irama

Ma non parlategli della fama: a Irama, del successo, non importa nulla.

Non bisogna concentrarsi sul lato superficiale della musica e della vita, non sono un morto di fama, non la cerco e la musica non è il successo. Spesso sento parlare di successo, per carità tutto questo è un onore e fa piacere il fatto che tante persone apprezzino la mia musica, il successo però è un qualcosa che viene, che va, che a volte torna e se ne va di nuovo. Quando un giorno non ci sarò più, quello che rimarrà di me però sarà quello che ho raccontato, detto e fatto, e spero con tutto il mio cuore che possa rimanere un qualcosa nel cuore delle persone

Leggi anche: Tra Irama e Giulia De Lellis spunta Victoria Stella Doritou?