Monica Bellucci: “Weinstein? Distinguere un’avance dalla molestia”

di Wendy Migliaccio

Monica Bellucci vola da Parigi a Roma, dove ha ricevuto il premio Virna Lisi in occasione della Festa del Cinema di Roma. Vestito nero a pois bianchi lungo fino alla caviglia di Azzedine Alaïa, golf, stivaletti scamosciati.

Monica Bellucci con un abito a pois di Azzedine Alaïa
Monica Bellucci con un abito a pois di Azzedine Alaïa

A consegnare il riconoscimento c’era Giuseppe Tornatore, che diresse Monica nel film “Malena”. Proprio Tornatore è finito recentemente sotto i riflettori per le parole di Miriana Trevisan che ha accusato il regista di averla molestata sessualmente 20 anni fa, quando lo incontrò in occasione della lavorazione de “La leggenda del pianista sull’oceano“. Tornatore ha smentito prontamente le accuse, annunciando provvedimenti legali.

Monica Bellucci a Roma per il premio Virna Lisi
Monica Bellucci a Roma per il premio Virna Lisi

Anche Monica Bellucci si è schierata in difesa dell’amico regista. “Sono veramente commossa e emozionata nel ricevere il premio dedicato a un’icona italiana e internazionale, che rappresenta talento, bellezza, intelligenza, eleganza – ha spiegato Monica -. Grazie mille per aver pensato a me. E in più lo ricevo dalle mani del mio regista, Tornatore. Quello con lui è stato uno degli incontri più importanti, perché Malena è stato un grande successo che mi ha aperto tantissime porte e perché è stato un incontro umano bellissimo, c’è un’amicizia ventennale che ci lega. Quando ho letto di questa accusa – ha proseguito l’attrice – sono rimasta chiaramente stupita e ho pensato a lui e alla sua famiglia che conosco molto bene“.

Monica Bellucci parlando di Tornatore (accusato di molestie sessuali da Miriana Trevisan): "Quando ho letto di questa accusa sono rimasta stupita e ho pensato a lui e alla sua famiglia che conosco molto bene"
Monica Bellucci parlando di Tornatore (accusato di molestie sessuali da Miriana Trevisan): “Quando ho letto di questa accusa sono rimasta stupita e ho pensato a lui e alla sua famiglia che conosco molto bene”

Inevitabili le domande sul caso Weinstein e sulle molestie nel cinema. “Oggi stiamo parlando del cinema ma io credo che in qualsiasi ambiente di lavoro, nella moda, negli uffici, non ci sia donna al mondo che non conosca un gesto inopportuno di un uomo. – ha precisato l’attrice 53enne – Credo che le donne debbano imparare a difendersi molto presto dallo sguardo indiscreto e dagli atteggiamenti sgradevoli. Mi chiedo: perché le donne ci hanno messo tanti anni prima di parlare? Perché le donne sono bloccate molte volte dalla paura. Sono felice che le mie figlie vivano un’epoca in cui il coraggio sta venendo fuori. Certi uomini sono eccitati dalla paura delle donne, sentendo la paura della preda sentono la sensazione di potere, il potere sulla fragilità della preda. Ed è questo che va cambiato”.

E poi ancora “Le cose mi pare stiano iniziando a cambiare, è importante tuttavia prestare attenzione a distinguere tra quella che è un’avance dalla molestia“.

Intanto Monica continua a passare da un set all’altro. Prossima tappa l’Australia, con l’horror “Nekromancer” dei fratelli Kiah e Tristan Roache-Turner in cui per la prima volta l’attrice umbra interpreterà una cattivissima. E poi, forse, ancora James Bond. Pare infatti che Daniel Craig la voglia nuovamente sul set di 007. Lei però commenta sintetica: “Non posso dire niente”.

Monica Bellucci nel 2015 sul set di Spectre, l'ultima avventura di James Bond. Sembra che anche per il prossimo film di 007 Daniel Craig la voglia come "Bond Lady"
Monica Bellucci nel 2015 sul set di Spectre, l’ultima avventura di James Bond. Sembra che anche per il prossimo film di 007 Daniel Craig la voglia come “Bond Lady”

[vc_text_separator title=”Guarda la Gallery” color=”juicy_pink”]