Niccolò Bettarini si sfoga su Instagram e attacca il suo avvocato [Video]

di Wendy Migliaccio

La giustizia italiana fa schifo“. Niccolò Bettarini sfrutta le Instagram Stories per lasciarsi andare ad un lungo sfogo dopo la decisione presa dal gip Guido Salvini di scarcerare e concedere gli arresti domiciliari a Davide Caddeo, il 29enne condannato a 9 anni di carcere per il tentato omicidio del figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini. Bettarini Junior se la prende prima di tutto con il suo (ex) avvocato, Alessandra Calabrò.

Soprattutto volevo fare i complimenti al mio avvocato dal quale non ho saputo niente per mesi. Ho dovuto sapere tutto attraverso notizie e amici miei. Ci ha abbandonato dopo l’ultima sentenza. Vi spiego anche perché ci ha abbandonato, non me ne frega un ca**o. La signora Alessandra Calabrò voleva che a gennaio io andassi a parlare in un programma chiamato “Porta a Porta” per elogiarla del lavoro che ha fatto: bel lavoro ha fatto comunque, sì, sì. Io ho rifiutato perché mi ero promesso, dopo l’ultima sentenza, di non riparlare più di questa cosa. E lei ha avuto la bella idea di mollarci e chiederci 160 mila euro di parcella. Sì, sì, 160 mila euro di calci in culo

Niccolò Bettarini
Niccolò Bettarini all’uscita dall’ospedale Niguarda dopo l’operazione alla mano, ferita con il coltello dagli aggressori

Bettarini se la prende anche con il gip Guido Salvini.

Io non studio giurisprudenza e mai la studierò, probabilmente rimarrò ignorante a vita. Però a casa mia se io do una sentenza di nove, sei, cinque anni per tentato omicidio, tentato omicidio eh, dopo un mese dalla sentenza li scarcero tutti con permesso di lavoro ai domiciliari? Qualcosa non quadra. Ma questa è l’Italia, questa è la giustizia italiana. Per nessuno c’è giustizia, manca proprio il senso di giustizia

Guarda il video dello sfogo!