Paola Turci: “Sono viva da morire” [Intervista]

di Wendy Migliaccio

Nuovo album, nuovo capitolo: il 15 marzo esce “Viva da morire”, il nuovo lavoro discografico di Paola Turci anticipato dall’omonimo singolo. Un inno alla libertà, alle contraddizioni, alle scelte anticonvenzionali e alla voglia di vivere. Tutto quello che, artisticamente e personalmente, rappresenta Paola Turci. “Racconta di qualcuno scampato alla morte – ci spiega lei nell’intervista – uno che ha rischiato di morire e ringrazia di essere vivo“. Il riferimento, naturalmente, è molto autobiografico e riguarda l’incidente d’auto avvenuto nell’agosto del 1993 che l’ha segnata per sempre, rendendola più forte e più consapevole.

Paola Turci
La cover del nuovo album di Paola Turci, “Viva da morire”

Paola Turci: “Questo disco è come un figlio”

Questo disco è come un bambino appena arrivato – ci racconta Paola – sono innamorata di lui, sono presa d’amore ma non lo conosco, non so ancora che misure prendere“. L’artista romana si è detta poi consapevole dell’affetto che le arriva dal pubblico femminile, per il quale è un modello non solo musicale, ma anche di stile e personalità. “Mi piace pensare che le donne mi vedano, nel modo in cui mi pongo, considerata la mia età e la mia storia, esattamente per come sono, consapevole di quello che sono“. Guarda l’intervista!